Uno studio per misurare le parti più erogene del corpo

corpo

Uno studio, pubblicato sulla rivista Cortex, definito il primo “tentativo sistematico di misurare il grado di eroticità delle singole parti del nostro corpo”.

La ricerca condotta da due università britanniche e una sudafricana con un sondaggio in cui è stato chiesto a uomini e donne di classificare le parti del corpo in base al piacere e alcuni risultati sono stati sorprendenti.

A giudicare dai voti attribuiti dai circa 800 intervistati. I piedi risultano la zona meno attraente dal punto di vista sessuale.

Un’altra sorpresa è stata nella consistenza delle risposte.
Il professor Oliver Turnbull della Bangor University’s School di Psicologia ha spiegato che “molte persone ritengono che il corpo delle donne sia pieno di zone erogene e che gli uomini ne abbiano soltanto una, la più ovvia, chiaramente non è così.” Ha poi continuato: “La distribuzione è quasi uguale, con una leggera prevalenza per le donne, ma non in questo modo esagerato” dichiarando quindi che esistono poche differenze tra donne e uomini.

Gli scienziati sono rimasti anche sorpresi dal constatare che gli uomini e le donne hanno elencato le 41 parti del corpo, citate nel sondaggio, più o meno nello stesso ordine. Ovviamente gli organi genitali sono ai primi posti, seguiti dalle labbra e dalle orecchie.

Turnbull inoltre si chiede “perché può essere interessante mordicchiare il collo, ma non la testa o la fronte, quando sono presenti gli stessi recettori sensoriali?”. La ricerca sembrerebbe suggerire che c’è una parte differente del corpo che controlla questi processi. Turnbull ha concluso con questa spiegazione: “credo che si tratti della corteccia cerebrale, anche se al momento non è semplice misurarlo scientificamente”.

Rispondi