Twitter il social che abbraccia il porno

twitter

Sul noto social network sono presenti migliaia di profili, sia italiani che internazionali, che strizzano l’occhio alla pornografia.

Sono facilmente trovabili e in genere contengono proprie foto amatoriali sessualmente esplicite, spesso si tratta profili di esibizionisti che vogliono condividere con altre persone la stessa “passione” o che cercano incontri “particolari”.
Alcuni profili (quasi generalmente femminili) invece hanno altri scopi quali ottenere una certa notorietà tramite molti follower oppure farci business offrendosi per sesso virtuale a pagamento.

C’è da sottolineare che il “rivale” storico a livello di social network, ovvero Facebook, fa molta più attenzione riguardo ai profili di questo tipo.

Come da termini di servizio (ToS), entrambi pongono severi divieti di caricare materiale pornografico e Facebook sembra effettuare controlli un po più attenti rispetto a Twitter e applicando varie restrizioni (dal ban temporaneo a quello definitivo).

Twitter invece sembra essere un pullulare di materiale (links e foto principalmente) adatto ad un pubblico adulto.

Inoltre ho notato una contraddizione abbastanza bizzarra, sebbene i termini di servizio di Twitter indichino esplicitamente il divieto a contenuti pornografici, nelle impostazioni del proprio account è possibile mettere il flag o meno se visualizzare contenuti potenzialmente sensibili e anche informare gli altri utenti che il profilo che stanno visitando potrebbe contenere contenuti di questo tipo.

C’è da domandarsi quanto sia oneroso per Twitter controllare e censurare tutti questi profili/contenuti o se magari volontariamente chiuda un occhio.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *