I teenagers hanno una dipendenza dal sesso estremo online

teenager

Un recente studio ha evidenziato che molti giovani ragazzi sono così dipendenti dal porno “estremo” su Internet che ora cercano aiuto per smettere.

L’università di East London ha constatato che un quinto dei ragazzi tra i 16 ed i 20 anni sono dipendenti dal porno come stimolante per il sesso reale.

Il sondaggio è stato condotto su 177 studenti ed il 97% dei ragazzi ha visto porno.

Di questi, il 23% ha ammesso che ha cercato di smettere senza riuscirci mentre il 13% ha ammesso che il materiale visto è diventato sempre più “estremo”.

Il 7% ha detto di volere un aiuto di professionisti perchè ha ammesso che quest’abitudine gli ha fatto perdere il controllo della situazione.

La maggior parte di loro ha detto di aver perso relazioni, trascurato partners e vita sociale.

La dottoressa Amanda Roberts che ha creato lo studio ha spiegato che è problematico il fatto che un quarto dei giovani hanno provato a smettere di vedere porno senza riuscirci. E continua: “è dovuto al sempre più proliferare ed esposizione del porno, si trova ovunque”. Sottolinea anche che è il materiale porno più estremo/hardcore che danneggia i giovani.

“Il porno è una delle parole più ricercate in Internet. Prima c’erano i DVD, i magazine e i siti softcore, ma ora è tutto hardcore e facilmente e gratuitamente accessibile online.”

“Danneggia anche la stima di se stessi e si aspettano che le ragazze si comportino come le porno star. I giovani si sentono inadeguati e la maggior parte dei soggetti dello studio si sente confusa ed arrabbiata perchè non può smettere.”

Il professore Matt Field, psicologo all’università di Liverpool, aggiunge: “gli adolescenti sono particolarmente vulnerabili a sviluppare dipendenze perchè i loro cervelli sono in fase di sviluppo”.

Lo studio ha anche evidenziato che l’80% delle giovani ragazze di un’età compresa tra i 16 ed i 20 anni ha visto porno.
Di questo l’8% ha ammesso che ha cercato di smettere senza riuscirci mentre il 10% ha ammesso che il materiale visto è diventato sempre più “estremo”.

Mentre i ragazzi guardano porno per puro piacere, le ragazze lo guardano per curiosità o scoperta/apprendimento.

La ricerca fa parte di una più ampia campagna avviata in Gran Bretagna per l’educazione sessuale chiamata Better Sex Education e avviata dal Telegraph.

Le linee guida in mataria sessuale nelle scuole inglesi non è aggiornata dal 2000, non considerando quindi la vasta espansione porno online che ha preso campo negli ultimi dieci anni con la crescita della banda larga e dell’internet via mobile.

La ricerca sarà mostrata in un documentario del canale Channel 4 intitolato Porn on the Brain.

fonte: Telegraph

Parliamo dell’argomento anche nell’apposita discussione nel forum!

Rispondi