Uomini mammoni, e la sessualità ci rimette

family

Sempre più ragazzi oltre i 30 anni vivono ancora in casa con la famiglia, ciò ha influenze negative sulla sessualità e sui rapporti di coppia.

Sicuramente la mancanza di lavoro e la grave crisi economica incidono sullo stare ancora con la famiglia però è vero anche che molti ragazzi che potrebbero essere indipendenti ed andare a vivere da soli (oppure convivere se hanno già un/una partner) preferiscono rimanere in questo stato, un po per l’attaccamento verso i genitori e un po perchè in famiglia si sta bene ed i genitori non fanno mancare niente, quindi anche per comodità e convenienza.

Ovviamente anche il sesso ne risente, venendo a mancare l’habitat più naturale e confortevole per fare sesso, ovvero la casa.
Diminuendo logicamente l’intimità personale si cercano altri luoghi per consumare rapporti sessuali: macchina, camere di alberghi, ecc… certamente non posti ideali per essere totalmente a proprio agio.

A volte questa situazione può causare problemi e motivi di discussione all’interno della coppia.
Ma può essere un problema anche se non si ha un/una partner, specialmente se non si ha molta libertà in casa per vivere in totale libertà i propri momenti di intimità.

Anche in un’ipotetico primo appuntamento il dichiarare di vivere ancora in famiglia in età matura può far scaturire impressioni negative.

E voi come la pensate? Vivete o avete vissuto una situazione simile?

Rispondi