La prostituzione in Italia

prostituzione

Dati e analisi di un fenomeno preoccupante.

La prostituzione in Italia è regolamentata dalla legge Merlin, Legge 20 febbraio 1958, n. 75 e utilizza il modello abolizionista, ovvero viene giudicata come attività illecita ma non è punita a livello penale.

In molti dibattono se renderla legale o meno, certo è che regolamentarla darebbe gettito fiscale e garanzie sanitarie per chi fa questo lavoro (oltre che combattere la criminalità legata a questa professione).

Un giro d’affari enorme, considerando anche che si stimano ben 2,5 milioni e mezzo di clienti che cercano sesso a pagamento. La strada rimane il luogo preferito, in aumento la percentuale di prostituzione nelle case o posti al chiuso (locali, club privè e night, alberghi, sale massaggio e saune) e quella su Internet (sia tramite siti di annunci che social network, specie tra i più giovani).

I dati più preoccupanti sono legati all’aumento della prostituzione minorile e del turismo sessuale.

Vengono anche confermate percentuali molto alte di clienti che chiedono rapporti sessuali senza protezione. Molti di loro contraggono malattie infettive.

Per quanto riguarda la prostituzione minorile è un fenomeno presente ma per lo più sommerso in quanto quasi mai avviene per strada. I canali preferenziali sono case, club privè e locali, Internet.
Ad oggi, si contano tra i 7 mila e gli 11 mila casi di baby prostituzione e riguardano principalmente femmine ma ci finiscono anche maschi minorenni.
Non è un fenomeno solo straniero ma anche italiano, che coinvolge giovanissime a partire da 13 anni.
Per capire la gravità e l’aumento del fenomeno basta pensare ai recenti fatti di cronaca delle ragazze dei Parioli o le cosiddette ‘ragazze doccia’ di Milano.

Per quanto riguarda invece il turismo sessuale l’Italia ha il primato di essere i primi in Kenya. Circa 80 mila italiani sono tra i primi quattro-cinque posti nella classifica dei principali Paesi di destinazione.

Infine rimando al link Gruppo Abele di un’inchiesta sul fenomeno della prostituzione in Italia con interessanti PDF.

fonti: lavitacattolica.it, lettera43.it

Rispondi