Le strane abitudini sessuali di alcuni animali

maialino

Non solo mantidi religiose o vedove nere, ci sono molte altre specie animali che hanno particolari abitudini sessuali, vediamo quali sono!

Come magari molti sanno la vedova nera e la mantide religiosa sono note per uccidere il maschio dopo (alle volte anche durante) l’atto sessuale per trarne energie da utilizzare per la deposizione.

L’Antechinus Arktos, una specie di marsupiale scoperto di recente da un team di ricercatori australiani, ha lunghi rapporti sessuali che fanno schizzare alle stelle i livelli di ormone dello stress degli animali causandone la loro morte.

Il Gerris gracilicornis è un insetto che minaccia la compagna di morte e ne approfitta per stuprarla: Quando un maschio incontra una femmina, le salta sulla schiena e, se lei non cede alle avances, lui inizia a far vibrare la superficie dello stagno, attraendo in questo modo i predatori. Visto che la femmina è sotto il maschio, è lei che rischia l’eventuale assalto di un pesce o di un altro insetto. A questo punto, se non vuole fare una brutta fine, deve cedere al maschio.

Comportamento simile a quello della falena Spodoptera: quando il maschio di questa farfalla notturna incontra una femmina, la corteggia cantandole una serenata. Fin qui può sembrare persino romantico, peccato che la melodia sia composta da ultrasuoni uguali a quelli dei temuti pipistrelli. La femmina si paralizza, terrorizzata, permettendo al partner un comodo accoppiamento.

Il Malurus splenden è specie di passeriforme australiano dove il maschio e la femmina si uniscono in coppia per tutta la vita per poi tradirsi con il vicinato.

Lo scoiattolo terricolo del Capo si dedica alla masturbazione dopo i rapporti sessuali per evitare malattie infettive.

La rana amazzonica Rhinella proboscidea è necrofila: centinaia di maschi competono per poche decine di femmine, tutti ammassati in piccole pozze. Può succedere che un maschio più furbo (o più disperato) si accontenti di quella che scientificamente è la «strategia necrofila funzionale»: prende il cadavere di una femmina e le schiaccia i fianchi, fino a quando non fuoriescono le uova che lui feconda.

La lumaca di mare, Chromodoris reticolat, invece è ermafrodita e dopo essersi accoppiata con se stessa perde gli organi riproduttivi.

Le lucertole Cnemidophorus uniparens, di cui esistono solo esemplari femmine, si riproducono partenogeneticamente, senza il bisogno di maschi e generando uova con lo stesso corredo genetico, ma non rinunciano al corteggiamento.

fonti: Monica Mazzotto su Tuttoscienze, Blitz quotidiano

Per molte altre curiosità di sesso tra animali rimando agli articoli de Il blog delle ragazze

Rispondi