Quando è la donna a dominare l’uomo

strap-on

Alle volte è frutto di una fantasia altre volte per curiosità di uno o entrambi i partner o ancora per voler trasgredire e provare nuove emozioni nella relazione, cosa succede quando a letto i “ruoli tradizionali” si invertono?

Superati i pregiudizi (ad esempio l’uomo potrebbe essere considerato gay/bisex) e ogni tipo di inibizione (occorre di base un’ottima intesa sessuale), la dominazione femminile (in inglese abbreviata femdom) può essere un’ottima fonte di piacere e divertimento.

Vediamo quindi quali sono le pratiche più comuni che possono essere messe in atto in ambito di dominazione femminile su un uomo o su un’altra donna in caso di rapporto lesbico; rientrano nel genere BDSM.

Adorazione del corpo femminile (body worship)

qualsiasi parte potrebbe essere oggetto di adorazione anche se tipicamente si tratta delle parti intime femminili, l’uomo assume un ruolo di “schiavo”. Per fare un esempio quando la donna si mette “seduta” sopra il viso dell’uomo che, tramite la bocca, provvede a dare piacere.

Negazione dell’orgasmo (cum denial)

in parole semplici quando la donna da piacere all’uomo ma non arrivando a fargli provare l’orgasmo.

Uso di falli indossabili (strap-on dildo)

si tratta di sex toy con la quale la donna può penetrare analmente l’uomo / fargli simulare una fellatio.
E’ forse considerata la pratica “simbolo” della dominazione femminile in quanto si ha proprio il ribaltamento dei ruoi (e delle sensazioni) facendo sesso.

Un’altra “variante” è il fallo indossabile dall’uomo in viso per poi penetrare la donna.

Ci sono anche pratiche più “estreme” come il pissing (quando la donna fa la pipì addosso all’uomo) o il fisting (la penetrazione anale dell’uomo con tutta la mano).

E voi avete mai provato la dominazione femminile? (come donna o come uomo). Parliamo dell’argomento anche nell’apposita discussione nel forum!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *