La Coppa del Mondo in Brasile ed il turismo sessuale

brazil worldcup 2014

La Coppa del Mondo in Brasile ed il turismo sessuale sono due argomenti differenti ma c’è qualcosa che li accomuna.

Il Brasile è uno dei Paesi più attivi riguardo il turismo sessuale (leggi anche l’articolo sulle mete preferite) e la Coppa del Mondo è un grande evento sportivo che attirerà sicuramente molte persone, senza dimenticare che nel 2016 il Brasile ospiterà anche i Giochi Olimpici estivi.

Tutto ciò porterà molti turisti e magari attratti non solo dagli eventi sportivi, così molte prostitute stanno cercando di cogliere questa opportunità seriamente.
E’ stato riportato che proprio per questo motivo molte stanno imparando l’inglese e prendendo accordi con le banche per poter ricevere pagamenti tramite carta di credito.

In Brasile la prostituzione è legale dai 18 anni in su. Ma il dato preoccupante è l’alto tasso di prostituzione minorile, si stima che tra i 250000 e 500000 bambini siano coinvolti in questo business.
Molte ragazze under 18 utilizzano documenti falsi per lavorare come prostitute in appartamenti affittati da clienti.

Il Governo brasiliano ha recentemente avviato la distribuzione contenente informazioni su come riportare abuso di minori.
Il Paese ha inoltre avviato una campagna intitolata “happy being a prostitute” per incoraggiare le lavoratrici del sesso ad utilizzare i preservativi.

La prostituzione ed il turismo sessuale in Brasile negli ultimi 5 anni hanno assunto un nuovo aspetto, specialmente nelle città più grandi e ricche.
I bordelli ora competono con i bar e night club.
Le ragazze sono facilmente indirizzate verso la prostituzione per la facilità di guadagno considerando anche che i salari sono generalmente molto bassi.

Il motivo per il quale l’industria del sesso ha avuto un boom è da ricercare anche nell’accettazione, per la maggioranza delle persone, della pornografia e dal fatto di essere più aperti a parlare di sesso.
E’ sufficiente aggiungere che sono molto diffusi i rapporti trans/bisex/gay e perfino quelli zoofili (con cani e cavalli principalmente).

Anche Internet ha avuto molta influenza. Ci sono molti siti nel Paese con centinaia di foto di ragazze che possono essere chiamate per fare sesso. Paradossalmente, come la legge cita, la parola “prostituzione” non può essere utilizzata.

Anche molti operatori turistici brasiliani sono attivi e portano centinaia di single europei in cerca di sesso facile ed economico.

Il presidente Dilma Rousseff insiema agli ufficiali del Governo sta cercando di limitare il commercio del sesso minorile prima che l’evento sportivo abbia inizio a Giugno e le Autorità stanno cercando di ripulire la propria immagine dall’essere uno dei Paesi capitale del turismo sessuale mondiale.

fonte: Guardian Liberty Voice

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *