L’ipersessualità femminile

autoerotismo

L’ipersessualità femminile (o ninfomania) è una forte accentuazione quantitativa della sessualità nella donna di natura psicologica.

Una sorta di esaltazione degli impulsi sessuali che spinge essa alla continua ricerca di nuovi partner, ma la quale in realtà serve ad alleviare i tumulti psichici interni. Questa ipersessualità è accompagnata dalla perdita di inibizioni e contraddistinta da continue manifestazioni di seduzione, provocazione, desiderio e fisiologia sessuale, tanto da assumere caratteristiche psicopatologiche.

Ciò influisce negativamente sulla sfera sociale, familiare, affettiva e lavorativa in quanto l’ipersessualità domina quasi tutti i tempi e gli spazi della vita.

Da cosa nasce questa necessità di continuo contatto sessuale?
Si tratta di un disagio causato da un vuoto esistenziale.
Per fuggire dalla propria solitudine la ninfomane ha come unico strumento la sessualità che utilizza per comunicare con gli altri e per approvazione nei suoi confronti.
Indipendentemente che i rapporti sessuali siano soddisfacenti o no la ninfomane ha il bisogno incontrollabile ed insaziabile di averli e spesso non raggiunge l’orgasmo.

La ninfomania può includere problemi di pensiero, indesiderati pensieri ripetitivi (ossessioni), e sentimenti di colpa, vergogna o inadeguatezza.

Spesso i maschi la considerano una virtù e non viene considerata per quello che in realtà è, ovvero indice di un vero e proprio problema psicologico.
Occorre ben distinguere la normale ricerca del piacere da ciò che può essere invece una patologia, spesso viene confusa.

Nel 1995 la ninfomania venne tolta dal Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali, insieme all’equivalente maschile chiamato satiriasi, e il suo concetto è stato inserito all’interno della categoria delle dipendenze sessuali.

Esiste anche un tipo di ninfomania platonica nella quale la donna vive di masturbazione compulsiva, accompagnata da forti fantasie erotiche.

La ninfomania può essere trattata con farmaci, psicoterapia, o una combinazione dei due. Con il trattamento è possibile gestire il comportamento sessuale compulsivo ma sensa risolvere definitivamente il problema.

fonti: Wikipedia, Tiscali, Lovvy

Parliamo dell’argomento anche nell’apposita discussione nel forum!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *