Questo forum usa i cookies
Questo forum utilizza i cookies per memorizzare le informazioni se sei registrato e l'ultima visita se non lo sei. I cookies sono piccoli files testuali che vengono memorizzati in locale e tengono anche traccia dei thread letti e quando sono stati letti l'ultima volta. Scegliere se si vuole accettare o meno i cookies.

Un cookie sarà memorizzato nel tuo browser per memorizzare la preferenza ed evitare che venga richiesto nuovamente. Puoi cambiare le impostazioni dei cookies in qualunque momento utilizzando il link presente in fondo al forum.

leaderboard


Dopolavoro di fuoco parte 1
#1
Patrizio è un cinquantenne single, dipendente da molti anni come informatico in una grande azienda di sviluppo software.
Causa sviluppi commerciali e potenziali clienti all'estero è stato chiamato per tenere un corso a Copenaghen dove è presente una sede dell'azienda.
Nella pratica Patrizio doveva istruire dei colleghi che avrebbero utilizzato per la prima volta un programma che lui conosceva bene.
Patrizio è rimasto nella capitale danese per una settimana.
Si presentò lunedì mattina nella sede aziendale estera, il corso si teneva all'interno di una delle sale riunioni.
Erano presenti due ragazze e tre maschi, tutti norvegesi.
Fortunatamente Patrizio se la cavava abbastanza con l'inglese.

Si creò subito un rapporto amichevole, oltre a quello professionale, tra Patrizio ed i norvegesi così la giornata seppur intensa scorse bene.
Al termine Ingrid, una delle due ragazze, si fermò a parlare con Patrizio e lo invitò a fare un giro per la città.
La ragazza venticinquenne si mostrò spigliata e socievole.
Dopo ave mostrato varie attrazioni della città invitò Patrizio a casa sua per un drink.
Patrizio accettò volentieri e rivolgendosi con tono scherzoso verso Ingrid disse: "però non darmi del lei, anche se sono più grande di te, mi fai sentire vecchio!"
Ingrid rispose: "Ok, comunque non sei affatto vecchio, sei un bell'uomo!"
Dopo qualche km raggiunsero la casa di Ingrid, un bell'appartamento vicino centro città.
Sorseggiando il drink Patrizio si mostrò interessato a lei, guardando le sue curve, d'altronde era single e non aveva nulla da perdere, mal che vada sarebbero rimasti colleghi-amici.
Patrizio non pensava di avere poche chances con lei, una bella ragazza dal fascino nordico che aveva la metà dei suoi anni.
La conversazione andò sul personale, si chiesero se erano fidanzati o sposati, anche

Ingrid era libera.
A questo punto fu la stessa ragazza a mostrarsi disinibita, catturata dal fascino maturo di Patrizio, si avvicinò a lui e gli disse con voce calda: "Patrice, proseguiamo il corso di la?" guardando verso la camera.
Patrizio, a cui stava salendo la libido, e quasi incredulo, rispose ok.
Ingrid pregò Patrizio di aspettarla in camera, lei sarebbe andata un attimo in bagno.
Patrizio, rimasto solo, si spogliò rimanendo in slip, al solo pensiero di quello che si sarebbe prospettato lo aveva già duro.
Poco dopo Ingrid uscì dal bagno in reggiseno, slip e calze autoreggenti nere, notò subito l'evidente erezione di Patrizio.
Ingrid era una vera bomba sexy e Patrizio gli saltò letteralmente addosso.
Patrizio slacciò il reggiseno, prese tra le mani quel bel seno sodo e si mise a succhiare i duri capezzoli.
"Oh Patrice yes" disse Ingrid con voce spezzata dall'eccitamento.
Patrizio si fiondò tra le gambe di Ingrid, quella passera così giovane e depilata era così invitante.
Succhiò vogliosamente quel clitoride gonfio, era molto abile di bocca.
Ingrid gemeva come una cagna, Patrizio ficcò dentro due dita nella fica ormai calda e fradicia, per poi tirare fuori le dita e assaporarne gli umori.
Riprese a leccare tra le grandi labbra ormai aperte e a masturbarla vigorosamente.
Ingrid era al culmine del piacere: "Oh yes, fuck me, fuck me now!" gridava.
Poi lasciò di sorpresa Patrizio.
Aprì un cassetto del comodino e tirò fuori un grande fallo finto.
"Fammi vedere come ci giochi" disse Patrizio.
Ingrid prese il fallo finto e lo infilò per bene dentro, scopando la fica grondante e godendo ancora.
Patrizio si tolse anche gli slip e si avvicinò al viso di Ingrid con il cazzo durissimo.
"Fammi vedere quanto sei porca!" disse.
Ingrid vogliosamente prese il suo cazzo in bocca e lo succhiò fino in fondo, era proprio brava a fare pompini.
Poi Ingrid disse che ora voleva sentire il suo cazzo vero dentro.
Patrizio non se lo fece ripetere due volte, "doggystyle!" disse.
Ingrid si mise a carponi, anche il suo culo era fantastico.
Spinse il cazzo dentro quella fica ormai ben aperta, i 25 centimetri di Patrizio entrarono fino in fondo facendo urlare la ragazza norvegese.
Patrizio la scopò per bene, Ingrid era proprio una puledra da monta.
Finirono con un bel 69.
Patrizio sborrò come un cavallo in bocca ad Ingrid che sembrò gradire molto ingoiandola di gusto.
Allo stesso tempo Patrizio la fece venire in modo incredibile scopandola con il fallo finto e giocando deliziosamente con la punta della lingua sul clitoride.
Il tempo era passato velocemente, entrambi avevano goduto da matti.
Il giorno dopo sarebbe stata un'altra intensa giornata di lavoro così si salutarono e si diedero appuntamento in azienda.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)