Questo forum usa i cookies
Questo forum utilizza i cookies per memorizzare le informazioni se sei registrato e l'ultima visita se non lo sei. I cookies sono piccoli files testuali che vengono memorizzati in locale e tengono anche traccia dei thread letti e quando sono stati letti l'ultima volta. Scegliere se si vuole accettare o meno i cookies.

Un cookie sarà memorizzato nel tuo browser per memorizzare la preferenza ed evitare che venga richiesto nuovamente. Puoi cambiare le impostazioni dei cookies in qualunque momento utilizzando il link presente in fondo al forum.

leaderboard


Dopolavoro di fuoco parte 2
#1
La nuova giornata in terra scandinava scorse abbastanza velocemente per Patrizio.
Dopo la mattinata di formazione si ritrovarono tutti insieme a pranzare in un ristorante li vicino.
Ingrid lo stuzzicò tutto il tempo facendogli il piedino sotto il tavolo e guardandolo in modo sensuale.
Patrizio non ci mise molto ad eccitarsi, il viso di Ingrid l'arrapava molto: le guance leggermente arrossite spiccavano sulla pelle chiara, occhi di un blu ghiaccio e lunghi capelli biondi.
A vederla così sembra una ragazza pura, sotto sotto si era dimostrata una vera porcellina.
Patrizio aveva già finito di pranzare e dopo aver pagato andò fuori per godersi la splendida giornata di sole.
Poco dopo Ingrid con la scusa di fumare una sigaretta lo raggiunse e gli disse: "Ho una voglia Patrice!"
Patrizio pensava di aspettare fino la sera per rifarlo ma le intenzioni di Ingrid erano chiare.
La bella e giovane ragazza gli propose di ritornare insieme a lei in azienda anche se ancora la pausa pranzo non era terminata.
Il sesso non pianificato è sempre eccitante, quindi perché no? Pensò Patrizio.
Ingrid naturalmente avvisò gli altri colleghi che ancora stavano pranzando che sarebbe rientrata.

Una volta in azienda presi dalla passione si diressero in bagno ed entrarono nel bagno delle donne senza essere visti.
Chiusa la porta a chiave Patrizio diede a Ingrid quella che voleva.
"Vuoi che ti scopi vero?" chiese Patrizio.
"Oh yes please!" rispose Ingrid vogliosamente.
Gli disse di spogliarsi e girarsi.
Ingrid obbedì.
Patrizio tirò fuori il cazzo durissimo e lo affondò tra le bianche e sode natiche di Ingrid che lanciò un urlo quando lo sentì entrare.
Patrizio la sodomizzò così in piedi, appoggiata al muro, mentre con le dita gli tirava i capezzoli già turgidi.
Ingrid, dopo il fastidio iniziale, si abituò a quel cazzo che spingeva senza fermarsi.
Furono interrotti quando d'improvviso sentirono bussare alla porta.
Si guardarono terrorizzati, un attimo di gelido silenzio, poi Ingrid imbarazzata chiese timidamente: "Si?"
Rispose Ellen, la collega presente nello stesso gruppo di lavoro.
Per fortuna le due ragazze erano molto amiche ed Ellen disse: "Ora sono curiosa, mi fai entrare per favore."
Ingrid: "Ma non posso ora..."
Ellen insistette: "Ti prometto non dico niente a nessuno, voglio solo vedere."
Ingrid disse: "Ok, mi raccomando..."
Ingrid aprì la porta, lei e Patrizio si erano intanto rivestiti velocemente.
Ellen per un attimo rimase stupita poi disse: "Wow, aaaaah il fascino italiano!"
"Ho interrotto il divertimento scusa. Ma vi lascio finire..."
"No no" disse Patrizio. "Tanto tra poco è finita la pausa."
"Possiamo riprendere con calma questa sera." aggiunse Ingrid facendo l'occhiolino. Il pomeriggio continuò con la formazione. Patrizio si accorse che le due ragazze confabulavano tra di loro ed era curioso di sapere cosa si stessero dicendo.
Al termine della giornata lavorativa Ingrid prese da parte Patrizio e gli diede appuntamento a casa sua per la cena.
Patrizio rispose ok ma chiese cosa si fossero dette Ingrid ed Ellen.
Ingrid disse che poi gli avrebbe spiegato tutto.
Aggiunse che era invitata pure Ellen, doveva solo dire di si.
"Ma poi se dobbiamo riprendere il discorso di prima, ricordi..."
Ingrid rispose: "Ricordo bene, dopo ti dirò, tu fidati di me."
Con quest'alone di mistero i due si salutarono, chissà cosa aveva in mente Ingrid.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)