Questo forum usa i cookies
Questo forum utilizza i cookies per memorizzare le informazioni se sei registrato e l'ultima visita se non lo sei. I cookies sono piccoli files testuali che vengono memorizzati in locale e tengono anche traccia dei thread letti e quando sono stati letti l'ultima volta. Scegliere se si vuole accettare o meno i cookies.

Un cookie sarà memorizzato nel tuo browser per memorizzare la preferenza ed evitare che venga richiesto nuovamente. Puoi cambiare le impostazioni dei cookies in qualunque momento utilizzando il link presente in fondo al forum.

leaderboard


Impossibile resistere
#1
Mi chiamo Valentino ed insieme a mia sorella Gabriella ed i nostri genitori siamo soliti passare alcuni giorni d'estate in una grande baita in Trentino presa in affitto.
Quest'anno a causa di impegni imprevisti i nostri non sono potuti venire ma io e Gabriella abbiamo deciso comunque di andare invitando una coppia di nostri amici, Osvaldo e Melissa.
Non sono ufficialmente fidanzati però si divertono insieme, insomma i classici trombamici.

Arrivati il sabato verso l'ora di pranzo ci siamo organizzati per andare a comprare qualcosa al supermercato.
Dopo aver mangiato qualcosa velocemente decidemmo di andare a fare subito una passeggiata vista la bella giornata.
Percorso un lungo sentiero ci rilassammo mettendoci seduti sopra delle coperte che avevamo portato dietro, il panorama che si poteva ammirare era spettacolare.
Il luogo era molto tranquillo, eravamo solo noi.
Melissa senza pensarci troppo si tolse maglietta e reggiseno per prendere il sole ed invitò pure mia sorella a farlo.
Gabriella rispose: "che matta che sei!"
Melissa insistette: "Dai che ti frega siamo solo noi, Osvi lo conosci ormai bene e tuo fratello non credo gli crei problemi."
Gabriella tentennò per un momento ma poi decise di mettersi anche lei in topless.
Ridacchiando Melissa disse: "cavolo hai 2 belle tette e non vuoi fargli prendere questo fantastico sole, è un vero peccato!"
Era capitato di sfuggita di vedere altre volte mia sorella mentre si cambiava ma non avevo mai posto attenzione verso quel seno sodo.
Inevitabilmente lo sguardo mi cadde li anche se cercai di fare finta di niente.
Osvaldo in modo divertito iniziò a titillare il seno di Melissa con un ramoscello trovato li.
Gabriella si mise a ridere, forse per nascondere un certo stato di eccitazione, notai i suoi capezzoli irrigidirsi.
In quel momento ebbi un'erezione difficile da controllare, fortuna ero seduto a gambe incrociate e potevo nasconderla abbastanza.
Non avevo mai pensato a mia sorella in modo sessuale, ma era impossibile non eccitarsi con quella scena.
Fortunatamente decidemmo di riprendere la camminata così i bollenti spiriti si placarono.
Stanchi rientrammo in baita il pomeriggio tardi.

Andai a riposarmi un po' ma fui svegliato poco dopo da mia sorella che, in uno stato di concitazione, entrò nella mia camera dicendo: "sbrigati Vale alzati, devi venire e vedere!"
Chiesi cosa fosse successo e lei mi rispose: "Vieni a vedere e capirai, ma fai piano!"
La seguii, Gabriella aprì la porta di casa e con nostra grande sorpresa trovammo Melissa in ginocchio davanti a Osvaldo ed intenta a fargli un pompino.
Erano in un angolo del cortile abbastanza nascosto ma noi da quel punto riuscivamo a vedere chiaramente.
Gabriella era molto presa a guardare e con un tono di voce diverso, più caldo, mi disse: "certo che Melissa è proprio una gran porca, guarda come lo prende!".
Stavolta io per nascondere il mio eccitamento le dissi sorridendo: "Evidentemente l'aria frizzante gli ha messo voglia!", e lei: "eh quando la voglia prende, li capisco".
Poi dissi a Gabriella di rientrare per non essere scoperti ma lei voleva finire di vedere la performance di Osvaldo e Melissa.
Per nascondere la mia evidente erezione ed evitare una situazione un po' imbarazzante dissi che sarei rientrato per farmi una doccia, tanto ormai mi ero svegliato.
Sotto il fresco getto non resistei e mi masturbai avendo un pensiero perverso, immaginai di essere ancora li fuori con Gabriella a guardare e lei notando la mia erezione ed agendo d'impulso non esitò ad abbassarmi i pantaloncini e gli slip e prenderlo vogliosamente in bocca.
Lo so era una cosa sbagliata ma anche così eccitante che mi fece schizzare copiosamente nel vetro della doccia.

Quella sera decidemmo di fare un giro in paese dopo cena e prendere un gelato e qualcosa da bere. Al tavolino Gabriella con sguardo malizioso rivolto verso Melissa leccò e quasi simulò una fellatio con il gelato, lei scoppiò a ridere.
La serata proseguì in modo divertente tra chiacchiere.
Rientrammo in baita, Osvaldo e Melissa ci diedero la buona notte dicendo di essere un po' stanchi. Mia sorella mi disse che ancora non aveva sonno e mi chiese se avessi voluto rimanere un po' con lei in salotto a vedere la tv, risposi ok.
Gabriella indossava una canottiera bianca corta e dei pantaloncini beige attillati, io una t-shirt e dei pantaloncini.
Ad un certo punto sentimmo dei gemiti, provenivano chiaramente dalla camera di Osvaldo e Melissa.
Gabriella sorridendo mi disse: "sembra ci stiano dando proprio dentro eh, altro che sonno, sentili".
Poi non so perché mi mise un piede in faccia, eravamo entrambi sdraiati sul divano uno di fronte all'altro, io le risposi: "dai che fai, toglilo!"
Lei ridendo disse: "perché se no che fai?"
ed io: "te lo mordo!"
lei replicò: "ahah provaci!"
Lo feci, mordicchiando il suo alluce in modo soft.
Istintivamente mi venne di prenderlo in bocca, Gabriella smise di muoverlo.
Lo succhiai avidamente mentre la vidi chiudere gli occhi ed il suo respiro farsi più profondo.
Il mio piede era in mezzo alle sue cosce e preso dal raptus dell'eccitazione iniziai a strusciarlo nella parte interna della sua coscia, la punta delle dita sfioravano la sua passera.
Gabriella dopo qualche minuto riaprì gli occhi come risvegliandosi da quello stato di trance di piacere e mi disse di andare a vedere che stavano combinando quei due.
Le dissi che era proprio una curiosona.
Raggiungemmo la loro camera, i gemiti ora si sentivano veramente forte.
La porta non era chiusa, era possibile vedere da uno spiraglio.
Io ero dietro mia sorella.
Melissa era a pecora e Osvaldo la stava scopando forsennatamente, lei godeva come una cagna in calore.
Sentii il sedere di Gabriella spingere sempre più verso me, ormai era a contatto con la mia incredibile erezione, io rimasi immobile e riuscii a trattenermi nel non toccarla.
Gabriella con voce calda e spezzata dall'eccitamento mi disse che sarebbe andata in cucina a prendere un bicchiere d'acqua fresca e di aspettarla li.
Passarono diversi minuti e non vedendola ritornare decisi di andare a vedere, seppur l'erezione non accennava a diminuire.
Con mia sorpresa la trovai nuda sopra il tavolo, era a gambe aperte e si stava passando un cubetto di ghiaccio nel clitoride.
Mi disse: "Vale non ce la facevo più".
Poco importa che io fossi li, ormai voleva godere e senza ritegno continuò a masturbarsi di fronte a me.
Questa visione mi fece perdere la testa, mi spogliai anch'io completamente.
Ci lasciammo andare ad una illecita passione.
Mi avvicinai e mi chinai, la mia faccia era li in mezzo alle sue gambe e davanti avevo quella bella passera completamente depilata, iniziai a leccare il clitoride bagnato e turgido.
Vedere le espressioni di godimento sul viso di mia sorella mi faceva impazzire.
Gemette sempre più forte e aggrappandosi al tavolino mi pregò di non smettere, aveva un sapore buonissimo, adoravo sentirla così bagnata.
Ebbe un orgasmo incredibile, i suoi copiosi fluidi mi inondarono completamente il viso.
Quasi stremata si alzò su e notò la mia erezione, ormai il cazzo mi scoppiava.
Disse semplicemente: "Wow Vale, vieni qui!"
Aveva voglia del mio cazzo duro e di farmi godere.
Prese un cubetto di ghiaccio e lo passò sulla cappella, mi scappò un: "Ahhh si Gabriella!"
Poi lo prese in bocca insieme al cubetto, quella sensazione di freddo e bagnato insieme al caldo della bocca era fantastica.
Avevo il cazzo completamente bagnato tra l'acqua del cubetto e la sua saliva, vederla succhiare così vogliosamente mi fece sborrare quasi subito.
Nel frattempo ci accorgemmo che anche i gemiti di Melissa erano terminati, per paura ci vedessero ci rivestimmo velocemente e andammo nelle nostre camere non prima di darci la buona notte e scambiarci uno sguardo d'intesa, quel momento di irrefrenabile complicità sarebbe stato il nostro perverso ed inconfessabile segreto per sempre.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)