Questo forum usa i cookies
Questo forum utilizza i cookies per memorizzare le informazioni se sei registrato e l'ultima visita se non lo sei. I cookies sono piccoli files testuali che vengono memorizzati in locale e tengono anche traccia dei thread letti e quando sono stati letti l'ultima volta. Scegliere se si vuole accettare o meno i cookies.

Un cookie sarà memorizzato nel tuo browser per memorizzare la preferenza ed evitare che venga richiesto nuovamente. Puoi cambiare le impostazioni dei cookies in qualunque momento utilizzando il link presente in fondo al forum.

leaderboard


La compagna di papà parte 2
#1
Cercai di raffreddare i bollenti spiriti con una bella doccia fresca ma l'eccitamento era ancora alto e iniziai a masturbarmi.
Poco dopo sentii bussare, era Natasha. Mi chiese se poteva entrare e prendere l'acqua ossigenata e cotone in quanto si era tagliata utilizzando il coltello.
Risposi di si, mi girai in modo da nascondere la mia erezione.

Una volta entrata mentre stava cercando nell'armadietto mi disse: "Come mai sei girato? Ti vergogni di me? Dai su ci conosciamo ormai da molti anni, siamo come fratello e sorella."
Non riuscii a trovare alcuna scusa plausibile e poi ero curioso di vedere la sua reazione, così mi girai.
Mostrai la mia bella erezione, vidi i suoi occhi esplodere di voglia.
Si avvicinò, velocemente lo sfiorò e sorridendo esclamò: "che pisellone che hai!"
La ringraziai e non osai altro, mio padre era in casa, credo fossimo stati soli saremmo facilmente andati oltre.

Una volta uscita Natasha continuai a masturbarmi pensando alle sue parole, al suo dolce tocco sul mio pene e ad immaginare il suo corpo nudo, venni con copiosi schizzi di sperma che finirono nella parete di vetro della doccia.

Mi vestii e uscii salutando mio padre e la bella Natasha. Avevo appuntamento con dei miei amici universitari anche loro single per una serata a base di cena e ballo in un locale.
Pur essendomi dato piacere da solo ero voglioso di trovare una donna con cui magari concludere la sera stessa.
Purtroppo la serata non andò così anche se mi divertii con i miei amici.

Rientrato verso le 3 mi spogliai rimanendo in slip, mi diressi verso la cucina, avevo una fame incredibile.
Mi preparai un bel panino con tonno e maionese, accompagnato da una fresca birra da 33cl.
Mentre stavo gustandomi il panino vidi arrivare in cucina Natasha, disse che aveva visto la luce accesa e così era venuta a controllare.
Si offrì di farmi compagnia e mi chiese se gli offrivo un pezzo del panino.
Portava la solita maglietta e pantaloncini corti, non potevo fare a meno di soffermarmi a guardare il suo corpo.
Seduta allargò le gambe e mi guardò con occhi vogliosi e mi chiese provocatoriamente se il mio "pisellone" era sveglio oppure fosse andato a dormire.

Senza pensarci due volte mi alzai in piedi di fronte a lei e le mostrai la mia erezione negli slip.
Ancora provocatoriamente si passò la lingua sulle sue labbra, mi avvicinai.
Senza dire niente Natasha prese l'iniziativa e mi abbassò gli slip.
Iniziò a toccarmelo ed il mio respiro si fece più profondo.
Con voce interrotta le dissi che era pericoloso in quanto poteva arrivare mio padre da un momento all'altro.
Lei mi rispose che ci aveva fatto sesso prima e ora stava dormendo beatamente.
Continuai a lasciarmi toccare da Natasha mentre allungai le mani per esplorare il suo bel seno sodo.
Con disinvoltura si alzò la maglietta, aveva delle tette fantastiche.
Il reggiseno era semitrasparente, intravedevo i suoi capezzoli già belli duri.
Natasha si mise un po' di salsa tonnata del panino sulle punte delle dita e la spalmò sulla punta del mio cazzo, quindi si chinò e la leccò con la lingua, la pregai di continuare dicendole che stavo godendo.
Guardandomi me lo prese in bocca e lo succhiò con molta passione, ci sapeva fare molto.
La presi per la testa e la spinsi portandola a succhiarmelo fino in fondo, poi lo tolse dalla bocca e tutto bagnato della sua saliva continuò a masturbarmi e a massaggiarmi le palle.
Mi eccitò ancor più dicendomi che le piaceva giocare con il mio membro durissimo.
Dovetti trattenermi dal godere forte e le dissi sottovoce che stavo per venire.
In un attimo schizzai abbondantemente il mio caldo liquido sul suo seno e bocca, Natasha lo leccò tutto.
Prontamente indossò nuovamente la magliettina ed io gli slip.
Sorridendo disse che era stato proprio un bello spuntino e magari la prossima volta potevamo fare insieme pasto completo...
Poi se ne andò augurandomi la buona notte.
Cita messaggio
#2
Devo farti i miei complimenti,scrivi delle storie fantastiche!!!sei meglio di un film...
Cita messaggio
#3
ti ringrazio, sei troppo gentile!
Cita messaggio
#4
Hai mai pensato di scrivere libri?
Cita messaggio
#5
tra poco la terza e ultima parte della storia!

Si ho in mente una storia da sviluppare, devo "solo" trovare il tempo per scriverlo.
Pensavo ad un ebook da rilasciare comunque in forma gratuita qui per vedere come va.
Cita messaggio
#6
Hai un potenziale mica da ridere!!sfruttalo...
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)