Questo forum usa i cookies
Questo forum utilizza i cookies per memorizzare le informazioni se sei registrato e l'ultima visita se non lo sei. I cookies sono piccoli files testuali che vengono memorizzati in locale e tengono anche traccia dei thread letti e quando sono stati letti l'ultima volta. Scegliere se si vuole accettare o meno i cookies.

Un cookie sarà memorizzato nel tuo browser per memorizzare la preferenza ed evitare che venga richiesto nuovamente. Puoi cambiare le impostazioni dei cookies in qualunque momento utilizzando il link presente in fondo al forum.

leaderboard


La compagna di papà parte 3
#1
Ero nel letto, appagato da quel rapporto orale anche se breve molto intenso.
Pensai che Natasha doveva essere proprio assetata di sesso avendolo fatto pure prima con mio padre.

I giorni successivi trascorsero senza particolari episodi, giusto flirtando un po' quando non c'era mio padre.
Un sabato sera avevo appuntamento con i miei amici universitari per andare all'apertura di una nuova discoteca non lontano da qui.
Pure Natasha ci teneva ad andarci solo che mio padre si beccò la febbre proprio quei giorni!
Mio padre allora gli propose di venire con me se a me non avrebbe fatto alcun problema.
A Natasha dispiaceva lasciare tutto solo mio padre a casa ma lui insistette dicendo che non c'erano problemi e anche lei aveva il diritto di divertirsi un po'.
La serata si prospettava molto interessante...

Dopo aver cenato ci preparammo. Io jeans e camicia bianca con maniche tirate su, Natasha un top nero e minigonna a jeans, scarpe nere con il tacco, era davvero uno schianto!
Avvisai i miei amici che ero in compagnia e mi raccomandai che facessero i bravi.
Una volta nel locale Natasha si scatenò subito in pista, anche noi ci mettemmo a ballare, c'era bella musica.
Dopo un po' ordinammo da bere, Natasha prese un vodka lemon.
C'era tanta gente e faceva caldo, Natasha era tutta sudata e guardandola mentre ballava mi faceva venire voglia di lei.

Mi avvicinai a lei e ballammo insieme in modo normale anche perché c'erano i miei amici e conoscevano mio padre.
Però guardandoci c'era quella sensazione da parte di entrambi di voler fare del sesso sfrenato.
Natasha mi chiese di accompagnarla al bagno, quindi ci allontanammo dai miei amici.
Sull'uscio della porta del bagno Natasha sorridendo con la faccia da furbetta mi disse: "dai che aspetti entra qui con me, lo so che lo vuoi!"
Non me lo feci ripetere due volte.
Chiusi dentro il bagno ci baciammo ardentemente, le mie mani scivolarono prima sul suo fantastico seno e poi nel suo sodo sedere, le feci sentire la mia prorompente erezione.
Mi disse: "Elvin voglio il tuo pisellone ora!"
Senza lasciarmi tempo di dire o fare qualcosa Natasha si inginocchiò davanti a me, mi abbassò i jeans e gli slip e mi fece un pompino meraviglioso.
Questa volta venni copiosamente direttamente nella sua bocca, lei ingoiò tutto dicendomi che le piaceva anche questo cocktail.
Le dissi che ancora una volta mi aveva fatto godere tanto e le dissi di ritornare dai miei amici per non farli insospettire.
La serata proseguì con altre bevute e balli, ci divertimmo molto, ma le sorprese non erano ancora finite...

Ritornammo a casa ed in macchina Natasha mi ringraziò della bella serata.
Quasi sotto casa mi chiese se volevo andare su subito o fermarci a parlare ancora un po', le dissi ok, volevo vedere fino dove potevamo arrivare, l'occasione e la situazione erano allettanti.
Questa volta la provocai io dicendole che il suo corpo era fantastico e ogni volta mi faceva venire certe erezioni!
Lei sorridendo mi disse che aveva notato e poi alzandosi su il top e mostrando il suo gran seno mi disse: "quindi se faccio così..."
Le risposi:" beh giudica tu Natasha".
Lei mi disse: "vedo che si sta svegliando nuovamente..."
Si tolse completamente il top e il reggiseno.
La mia erezione si fece sempre più grande ma mantenei il controllo dicendole: "Ah Natasha così mi vuoi far morire però!"
Lei disse che le piaceva la mia reazione, vederlo e sentirlo così duro e grande.
Questa volta non resistendo più le dissi che se lo avesse voluto provare io era da un po' di tempo che immaginavo di fare sesso con lei.
Lei mi rispose: "Perché no... andiamo nei sedili dietro"
Così facemmo e ci spogliammo completamente.
Per la prima volta vidi il suo triangolino, era ben depilato, con qualche ciuffetto.
Mi ci "fiondai" letteralmente leccandola, lei disse: "Oh ti prego non smettere, ci sai fare tanto!"
La leccai ancora vogliosamente, mi piaceva sentire i suoi fluidi nella mia bocca.
Poi con le dita prima giocai sul suo clitoride e poi la penetrai, era bagnatissima.
Iniziò a godere tanto e urlare di piacere, il mio cazzo era durissimo e bello pronto.
Mi disse: "Ora lo voglio sentire dentro me!"
Mi misi sopra di lei e la penetrai, entrò tutto bene dentro.
Spinsi il più possibile e la scopai con movimenti decisi, Natasha gemette sempre più forte.
Nel frattempo la mia lingua passava dalla sua bocca al suo seno, le succhiai avidamente i capezzoli turgidi.
Il mio membro la sentiva sempre più bagnata.
Cambiammo posizione, stavolta mi distesi io lungo i sedili, e lei si infilò dentro il mio cazzo ben eretto.
Mi cavalcò muovendosi deliziosamente, io intanto con le mani la tenevo per il seno.
Spinsi più forte e mi disse che stava per venire, io pure ero al limite.
Fu fantastico, venimmo quasi insieme, io la inondai del mio caldo sperma.
Esausta quasi crollò sopra di me, eravamo tutti sudati, ci baciammo ancora appassionatamente.
Natasha disse che si era fatto tardi ed era meglio rivestirsi e rientrare a casa.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)