Questo forum usa i cookies
Questo forum utilizza i cookies per memorizzare le informazioni se sei registrato e l'ultima visita se non lo sei. I cookies sono piccoli files testuali che vengono memorizzati in locale e tengono anche traccia dei thread letti e quando sono stati letti l'ultima volta. Scegliere se si vuole accettare o meno i cookies.

Un cookie sarà memorizzato nel tuo browser per memorizzare la preferenza ed evitare che venga richiesto nuovamente. Puoi cambiare le impostazioni dei cookies in qualunque momento utilizzando il link presente in fondo al forum.

leaderboard


Rossella la porcella parte 2
#1
L'ambiente di lavoro e la palestra sono i posti preferiti da Rossella per rimorchiare.

Al lavoro va sempre vestita sexy, camicetta attillata e minigonna oppure eleganti vestiti che lasciano intravedere le sue sensuali curve, scarpe rigorosamente con tacco.
Quando c'è un tipo che gli piace le gerarchie diventano superflue, dall'addetto alle pulizie passando per il tecnico dei computer fino ad arrivare al capo.
Le sue tecniche di seduzione in genere sono sempre efficaci e assicura privacy anche se poi sono gli stessi maschietti a fare gossip tra di loro.

L'impresa più difficile è stato portarsi a letto il capo, Lorenzo, un affascinante uomo quarantenne sposato e con prole.
Dopo molte avances e provocazioni anche lui non resistette al fascino di Rossella.
Durante le pause caffè se erano soli spesso si metteva seduta di proposito sopra un tavolo ed allargava le gambe per far intravedere.
Lorenzo si dimostrava quasi impassibile ma il suo sguardo ricadeva inevitabilmente nelle belle cosce scoperte di Rossella.
Lavorando a stretto contatto spesso Rossella si ritrovava nel suo ufficio per pratiche da sbrigare.
Lo stuzzicava in vari modi: da frasi velatamente ambigue a raccogliere per esempio qualcosa per terra mostrando il lato b di marmo.
Una sera ci fu un'emergenza lavorativa per cui dovettero trattenersi al lavoro più del previsto. Lorenzo avvisò chiamando casa e dicendo che sarebbe rientrato più tardi.
Rossella non si lasciò sfuggire l'occasione, determinata decise di agire.

Da sola nel suo ufficio si tolse le mutandine lasciandole nella sedia e si diresse verso il bagno. Una volta entrata si alzò su la minigonna e iniziò a masturbarsi energicamente pensando di fare del sesso spinto con lui.
Dopo diversi minuti decise di rientrare, nel caso Lorenzo la cercasse.
Effettivamente tornando in ufficio trovò il suo capo e lo colse con le mutandine in mano.
Come per scusarsi Lorenzo disse le aveva notate li, Rossella ancora eccitata si avvicinò e con voce sensuale gli chiese: "vuoi che le rimetta?"
Lorenzo a questo punto non riuscì più a trattenersi e d'istinto la baciò.
Le loro lingue si intrecciarono in un turbinio di passione.
Lorenzo mise la mano tra le sue gambe e sentì com'era bagnata.
La spinse verso la scrivania, si spogliarono.
Rossella non vedeva l'ora di essere sbattuta sopra la scrivania da quel cazzo ben eretto.
Ma prima Lorenzo volle assaggiare il suo bel frutto.
Rossella ansimante era distesa sopra la scrivania con le gambe larghe.
Lorenzo la leccò con passione deliziandosi del suo succo, Rossella con le braccia tirate su e con le mani aggrappata alla scrivania ebbe un orgasmo incredibile.
Lorenzo con autorità disse: "Ora ti scopo, è questo che vuoi vero?"
Rossella disse un si carico di voglia.
La penetrò così da in piedi, il membro ben duro entrò facilmente dentro la fica fradicia.
Rossella godette ancora, i movimenti forti e decisi di Lorenzo le provocavano spasmi di piacere.
Rossella gli disse che prendeva la pillola e gli chiese di venirgli dentro.
Lorenzo dopo poco venne dentro di lei schizzando copiosamente.
Rossella trattenne il caldo sperma, non volle espellerlo, adorava quella sensazione e si rivestì senza andarsi a lavare.
Ripresero a lavorare celermente, si accorsero si era fatto tardi presi dal momento di passione; da quel giorno non fu l'unica volta che i due fecero tardi al lavoro.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)