Questo forum usa i cookies
Questo forum utilizza i cookies per memorizzare le informazioni se sei registrato e l'ultima visita se non lo sei. I cookies sono piccoli files testuali che vengono memorizzati in locale e tengono anche traccia dei thread letti e quando sono stati letti l'ultima volta. Scegliere se si vuole accettare o meno i cookies.

Un cookie sarà memorizzato nel tuo browser per memorizzare la preferenza ed evitare che venga richiesto nuovamente. Puoi cambiare le impostazioni dei cookies in qualunque momento utilizzando il link presente in fondo al forum.

leaderboard


visita andrologica
#1
Ormai alla soglia dei 40 ho deciso di farmi fare un controllo della prostata, visto che con quello che si sente in giro.
Premetto che non ho mai fatto controlli simili, anche perché tutto funziona regolarmente.
Così un giorno sono andato dal medico curante e ho chiesto una prescrizione per tale controllo, mi sono fatto consigliare il meglio andrologo della zona e ho preso appuntamento.
Dopo qualche giorno sono stato chiamato al telefono dal centralino che mi ha comunicato che il dottore cui avevo preso appuntamento non era disponibile, ma che c'era un dottore altrettanto bravo. Risposi che andava bene lo stesso e andai.
Ero il primo in lista alle ore 9 del lunedì, arrivai con qualche minuto di anticipo e aspettai di essere chiamato.
Alla chiamata entrai, mi sono trovato davanti una dottoressa, e che dottoressa!
Era vestita con un tubino nero cortissimo, sandali tacco 12 sensualissimi, camice aperto e occhiali.
Una bomba mora dai capelli fluenti con un pizzico di trucco.
Mi dette la mano e mi fece accomodare, lei si sedette sulla scrivania nell'angolo con le gambe accavallate, erano talmente lunghe che comunque toccavano il pavimento.
Cominciò a farmi le classiche domande di rito, nome cognome età, eccetera.
Poi mi disse di spogliarmi completamente e di sdraiarmi sul lettino.
Sinceramente ero un po' imbarazzato, visto che era una donna, anche se ho sempre sognato che una donna mi chiedesse ciò.
Mi spogliai e lei si mise i guanti in lattice come sempre succede.
Mi disse: " Vedo che sei teso, rilassati e fammi fare il mio lavoro!"
Cominciò a toccare il pene, vista la situazione cominciò a gonfiarsi, il mio imbarazzo cresceva tanto quanto il mio cazzo. Con sguardo compiaciuto e voce sensuale mi disse di rilassarmi, in fondo era un dottore e sapeva fare bene il suo lavoro. E infatti posso assicurare che mi stava segando molto ma molto bene.
Massaggiava le palle che era una goduria.
Poi mi chiese di allargare le gambe e di piegarle, così feci. Cominciò a massaggiare il mio ano, la cosa mi eccitava quanto mi preoccupava visto che non avevo mai violato il buchetto .
Con mano sapiente mi stuzzicava le palle e il cazzo intanto che con l'altra massaggiava sempre più insistentemente l'ano.
Poi prese un gel lubrificante e lo mise nel guanto col quale mi stuzzicava l'orifizio, dopo poco mi sono trovato il suo dito dentro che faceva su e giù e ruotava.
Poco dopo le dita erano 2 e poi 3.
Il mio cazzo era come un pezzo di marmo, ero eccitatissimo, mai provato una sensazione simile.
Preso dal godere non mi accorsi che anche la dottoressa aveva un certo piacere, da sotto il tubino era uscito un cazzo, a dire il vero più piccolo del mio ma comunque un bel cazzo.
La dottoressa, capendo che avevo visto il suo membro mi chiese: " Vuoi prenderlo in bocca?" Io preso dal momento di estasi annuì e cominciai a leccarlo, non avevo mai fatto una cosa del genere, nella mia testa pensavo: "Che cavolo sto facendo??? Sono per caso frocio?? Ma chi se ne frega proviamo anche questo!!"
Anche la dottoressa cominciò a succhiare il mio cazzo continuando a infilare le sue dita nel mio culo.
Sentivo che il suo cazzo diventava sempre più duro avevo perso ogni freno.
Ad un certo punto preso dall'eccitazione o dalla stimolazione della prostata, con un gemito sborrai in bocca alla dottoressa, che ingorda ingoió tutto il mio seme.
Mi disse:" Complimenti hai resistito per 30 minuti ai miei massaggi! E complimenti per il tuo sperma è molto gustoso!"
Smise di infilare le dita nel mio ano, che era già ben dilatato e mi mise a pecora appoggiandomi al lettino, in un attimo mi trovai quel cazzo dentro all'ano.
Non ho mai provato tale goduria, ogni colpo entrava sempre più dentro fino al punto di sentire sbattere le sue palle contro le mie. Ansimavamo entrambi poi mi fece girare nuovamente a pancia in su e continuò a sfondarmi il culo, sentivo che il suo cazzo era al massimo della lunghezza e infatti da lì a poco mi inondò con uno schizzo di sbroda dentro. Rimase dentro per qualche istante poi il suo membro cominciò a ritirarsi, quindi si chinò e cominciò a leccarmi l'orifizio anale ormai rosso e febbricitante, mi chiese di spingere fuori lo sperma che aveva lasciato dentro, io provai a spingere una volta e il suo sperma colò giù ma non per tanto visto che la dottoressa era lì ad aspettare con la lingua vogliosa.
Intanto il mio cazzo era tornato barzotto, con una situazione simile era normale, allora la dottoressa disse:" Ora voglio vedere come scopi tu!" Si tolse il camice e il tubino era senza mutande e reggiseno, il seno piccolo ma sodo sarà stata una seconda.
Mettendosi sopra di me a 69 scoprì che oltre al cazzo e al buco del culo aveva anche una vagina, praticamente un ermafrodita, ne avevo sentito parlare ma mai vista una specie così.
Quindi cominciai a leccare sia il culo che la figa, mentre lei mi spompinava di nuovo, la sua fica già bagnata da prima continuava a emettere fluidi sempre più abbondanti, erano deliziosi e inebrianti, il suo ano si allargava ad ogni leccata.
La presi e la misi a cavalcioni su di me facendole dare le spalle, glielo misi nella vagina, stretta per fortuna ben lubrificata il mio cazzo spariva dentro ad ogni colpo battendo sulla sua cervice,ciò le faceva emettere gemiti misti fra dolore e piacere, poi con disinvoltura prese il mio cazzo è lo mise dietro nel culo, entrò subito senza indugio anche questo orifizio era stretto e ben lubrificato, senza smettere di scopare si girò di fronte a me, il suo sguardo era perso dal piacere i seni si muovevano su e giù ogni colpo, anche il suo cazzo sbatteva qua e la, lo presi in mano e la segai in modo da farlo diventare di nuovo duro, infatti da lì a poco era di marmo.
La fica colava come se fosse aperto un rubinetto, poi inarcò la schiena, era una visita insolita ma eccitante, il cazzo ritto la fica dilatata e il mio cazzo dentro al suo ano, poco dopo,con un grido, squirtò dalla fica e schizzó dal cazzo inondandomi di sperma e umori. Quella scena mi fece venire anche a me, che tirando il cazzo fuori dal suo ano le schizzò addosso. Si appoggiò con il corpo su di me che ero completamente coperto dalle sue venute, siamo stati in quella posizione per alcuni minuti per potersi riprendere dalle forti emozioni.
Ci ripulimmo e rivestimmo, la dottoressa mi disse:"Ok la tua prostata è a posto fra un anno ci rivediamo per un controllo"
Io risposi che se la dottoressa mi chiedeva una visita annuale, non avrei potuto mancare tale impegno, e ci mettemmo a ridere e ci salutammo.
Cita messaggio
#2
grazie per il racconto! Sarà condiviso nei canali sociali di The Red Lips.
Cita messaggio
#3
(26-06-2015, 11:08 AM)theredlips Ha scritto: grazie per il racconto! Sarà condiviso nei canali sociali di The Red Lips.

Grazie per avermi dato la possibilità di condividere..
Cita messaggio
#4
è un piacere! Storia interessante ed originale.
Quando vuoi aspetto altri interessanti racconti Wink
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)